La Regione Piemonte ha aperto un finanziamento per attrarre nuovi investimenti e per creare nuova occupazione. Il bando è rivolto alle micro, piccole e medie imprese non ancora presenti in Piemonte ma che hanno intenzione di aprire una nuova attività oppure alle aziende con sede in Piemonte ma che negli ultimi hanno delocalizzato ma che hanno intenzione di tornare in Italia. Il bando “Sostegno finanziario all’attrazione e al radicamento di investimenti in Piemonte” fa parte del fondo “Attrazione di investimenti” e ha a disposizione 30 milioni di euro. Le aziende potranno richiedere fondi per investimenti in attivi materiali e in progetti di ricerca e sviluppo. Entro 24 mesi dalla concessione dei soldi, le imprese che beneficeranno del mutuo, dovranno assumere nuovo personale, come stabilito dal bando della Regione Piemonte. Le imprese potranno far richiesta per due differenti tipi di investimento: quelli in attivi materiali (acquisto di immobili già esistenti; ristrutturazione opere murarie; acquisto di impianti, macchinari e attrezzature) e quelli in progetti di ricerca e sviluppo (spese per il personale, acquisto di attrezzatura specifica, spese per materiali e per servizi di consulenza). Per investimenti in attivi materiali, le microimprese possono richiedere fino a un massimo di 100.000 euro, mentre per le piccole imprese il limite si alza fino a 200.000 euro. Le medie imprese possono ottenere fino a un massimo di 400.000 euro. Dalla data di concessione, le imprese hanno 24 mesi per portare a termine il lavoro. I fondi andranno a coprire il 100% delle spese ammissibili: il 70% sarà a carico della Regione Piemonte e verrà prestato alle imprese a tasso 0, mentre il restante 30% verrà fornito da istituti bancari a un tasso convenzionato.